Campione sostituirà San Marino nel poker? Perché sì e perché no

poker_cards

Tutto è pronto oggi 22 gennaio 2022 per la riapertura dello storico casinò municipale di Campione, a quattro anni dal fallimento.

La direzione ha ormai fissato la data dell’inaugurazione per venerdì prossimo, dopo il rinvio di un mese dovuto all’improvviso aumento dei contagi da coronavirus.

Molti sono gli obiettivi fissati al momento della ripartenza dai campionesi: tornare ad essere un centro di riferimento per il gioco fisico italiano e ticinese anzitutto, ma anche riuscire ad offrire una proposta dinamica e giovane capace di orientarsi sulle nuove tendenze del mercato.

Ciò non significa solamente slot machine, ma anche recupero di alcuni giochi penalizzati nell’ultimo triennio come il Poker.

Poche settimane fa la delusione ha investito giocatori e appassionati di poker per la decisione del governo di San Marino di annullare il torneo internazionale con un pool-prize garantito da 1.000.000€ a causa del COVID-19.

Campione potrebbe puntare a sostituire la piccola Repubblica, offrendo strutture più nuove per ospitare i tavoli ed eventualmente sviluppando un indotto di servizi accessori ai tornei.

Un nodo resta da sciogliere. Malgrado il regime fiscale privilegiato di Campione d’Italia, l’opzione San Marino resta la più conveniente per i vincitori che pagano sul monte Titano imposte davvero ridotte.