Il monopattino elettrico non è un gioco

Un tempo tra i tanti giochi di cui parliamo ci sarebbe stato anche il monopattino. Ma non è più cosi coi monopattini elettrici e la loro diffusione aumentata dagli incentivi.

E’ morto 12 giugno 2010 all’Ospedale Maggiore di Bologna un uomo di 60 anni coinvolto ieri in un incidente stradale in provincia di Bologna (Budrio) mentre era sul suo monopattino. Ancora non sono chiare le dinamiche dello scontro ma a noi che lo abbiamo provato è chiara una cosa. E’ un mezzo in cui il rapporto tra velocità, raggio di sterzo, tenuta di strada, frenata e sistemi di sicurezza passive e attiva è decisamente sproporzionato.

A nessun mezzo “targato” sarebbe permesso anche lontanamente di circolare cosi. Il diavolo è nei dettagli e non ci stancheremo mai di dirlo. Superenalotto e Poker a puntata 100 euro sono due cose diverse. Motorino elettrico con freni a disco e ruote grandi e monopattino elettrico sono due cose diverse. Proibire o autorizzare intere categorie solo perchè hanno un nome e uno scopo – inteso in senso largo – comune è un errore grave.




Informazioni su Paolo Di Feo 90 Articoli
Paolo Di Feo, laureato in economia con 110 e lode e MBA ha lavorato nelle telecomunicazioni prima di entrare nei giochi. In questo settore è stato consulente, direttore e proprietario sia in Italia sia all’estero. Scrive da tempo numerosi articoli e rilascia interviste ai giornali e alle TV nazionali sui temi del gioco di cui è profondo conoscitore.