Pubblicata Ricerca Nomisma: il gioco tra i giovani

E’ stata pubblicata ieri la ricerca di Nomisma dell’ “Osservatorio Young Millennials Monitor – Giovani e Gioco d’Azzardo”. L’indagine ha riguardato un campione di scuole secondarie di secondo grado e ha visto la partecipazione di circa 11.000 ragazzi dai 14 ai 19 anni.

Il 49% dei giovani ha giocato. Molti giovani (il 21%) iniziano a giocare per curiosità o per caso (20%); altri per semplice divertimento (18%), per il fatto che amici e familiari giochino (11%), o per la speranza di vincere una somma di denaro (11%). Dopo aver sfidato la sorte almeno una volta i giovani tendono a pensare che il gioco d’azzardo sia soprattutto una perdita di denaro (il 32%).

Nella classifica dei giochi più popolari tra i giovani si riconfermano ai primi due posti il Gratta & Vinci (35%), le scommesse sportive in agenzia (23%), e le scommesse sportive online (13%), cosa strana perchè i minorenni non possono tecnicamente giocare sui siti legali italiani, evidentemente si rivolgono a siti esteri o usano le credenziali dei genitori. I giochi tradizionali come Superenalotto e Lotto hanno evidentemente perso appeal verso i giovani che preferiscono giochi molto piu veloci.

Il 17% degli studenti delle scuole secondarie superiori è frequent player (almeno una volta a settimana). Per la gran parte però è per lo più un passatempo occasionale. Solo il 5% è la quota di ragazzi con approccio problematico, che crea disagi psico-emotivi o relazionali. Un valore un po piu alto degli adulti dove questo valore si aggira sull’1% ma il campione dello studio è molto limitato.

Speriamo che questa ricerca aiuti le istituzioni a fare analisi piu approfondite, come alcune stanno iniziando a fare, per stabilire provvedimenti efficaci per limitare il gioco problematico.

Informazioni su Dinora Jacelli 8 Articoli
Laureata in infermieristica a pieni voti lavora in strutture Ospedaliere da piu di 10 anni. Studiosa di problematiche relative al Gioco d'Azzardo Problematico svolge anche attività informativa di divulgazione presso testate specialistiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*