Pubblicato libro blu, oltre 10 miliardi all’erario, e gli altri 100 ? Una vista diversa

E’ pubblico da oggi , 5 agosto 2018, il libro blu dei giochi. 

Quando si parla di dati bisogna però interpretarli od ognuno ci vede quello che vuole.

I soldi giocati sono stati infatti oltre 100, e 86 sono tornati in vincite, esattamente come voleva chi li ha giocati, Su alcuni giochi, come i nostri casinò online, tornano in vincita 96 euro su 100. Chi gioca con moderazione è contento se vince, ma se perde non è un dramma. Sa che il suo euro, un caffè,  si è unito ad altri ed ha fatto felice una persona. 

Ma ci sta poi un altro dato. Lo stato, senza volutamente fare niente se non condannare il gioco che è cattivo,  incassa piu delle persone cui ha delegato tutte le attività, che incassano circa 8 miliardi. Tanti ? Nella realtà molti in più ne vanno ancora allo Stato. Ci sono IVA (non detraibile sul gioco, una tassa vera e propria sui costi degli operatori che lavorano in Italia) , Irap (anche se si è in perdita) ed Irpef . Poi ci stanno gli oneri di concessione, ovvero i costi una tantum o annuali per avere l’onore di fare “questo sporco lavoro”. Ne restano 5 su 100 fatti girare grosso modo. Con i quali si fa girare l’economia, ovvero si paga marketing, personale ( e sono tanti) ,informatica e quant’altro. 

In qualsiasi altro scenario i soldi andrebbero tutti persi secondo il nostro punto di vista. 

Andrebbero in gioco illegale (vallo a fermare, non sono sigarette che blocchi sui motoscafi; una scommessa è una parola detta a voce o nel mare magnum della rete).E se lo fermassimo per magia ? Non ci è riuscito nessuno stato al mondo, neanche i potenti Stati Uniti con galera , tecnologie sofisticate e pene di ogni tipo, ma immaginiamo per un istante di farlo. 

Sarebbero spesi in altri beni voluttuari, nel caso dell’online magari giochi per divertimento in cui però paghi per giocare o raggiungere traguardi. E attenzione, dei 100 pagati te ne tornano in vincite …..0.  

Vabbè ma ho alimentato l’economia e pagato le tasse. Quella americana o giapponese forse…da noi di questi giochi se ne fanno ben pochi.

Le cose non sono mai come appaiono.

Informazioni su alex frisano 484 Articoli
Dopo aver frequentato la Scuola Superiore di Giornalismo, ha cominciato a muovere i primi passi nel mondo del giornalismo proprio su giochi24notizie. E' appassionato di informatica, calcio e musica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*