Ultime Notizie

Sicilia regione autonoma senza casinò? Taormina in prima linea nel reclamarne uno

Marlene Dietrich, Gregory Peck e Cary Grant… queste erano solo alcune delle stelle internazionali che frequentavano un tempo il casinò di Taormina. Il mondo dello spettacolo, il jet-set di dava appuntamento nella meravigliosa cornice sicula per godere delle bellezze e divertirsi con il gioco.

C’era una volta il casinò di Taormina. Un luogo di lusso e divertimento nel cuore della “perla dello Jonio”, poi, con provvedimenti secondo alcuni affrettati, costretto a chiudere nei primi anni Sessanta. Da allora i casinò tradizionali rimasti in Italia sono 4, e tutti collocati in regioni del Nord.

Tutto il mezzogiorno è insomma privo di strutture dedicate all’azzardo e alle scommesse, con esiti sperequativi tra le due macro-aree. Sebbene una parte dell’opinione pubblica locale e nazionale sia contraria, il sindaco di Taormina da tempo richiede a gran voce la restituzione al territorio di tale ente.

Ad oggi 16 gennaio 2024 la situazione sembra in fase di stallo. Tuttavia, riferiscono nelle ultime settimane svariate fonti locali, alcune associazioni locali si sono attivate per inoltrare formalmente e informalmente delle proposte di collaborazione al comune onde favorire la ricostituzione del casinò. Alcuni negozianti sostengono che esso avrebbe una ricaduta importante in termini di numero di presenze e differenziazione dell’indotto turistico.

Altri cittadini, invece, ritengono che la presenza di un casinò in Sicilia sarebbe giustificabile anche con il suo status di regione autonoma. La valle d’Aosta infatti ottenne che non si sopprimesse la sua casa da gioco proprio facendo leva sulla suo autonomia.

Articoli Simili

Exit mobile version