Trieste mette in mostra i vecchi videogames (e riempie i musei)

Oggi lunedì 29 novembre 2021, a cose fatte, si può affermare senza tema di smentita che la decisione dei triestini allestire una mostra a tema videogames si è rivelata vincente.

Il primo weekend di apertura è infatti andato molto meglio delle più rosee aspettative, riscuotendo un enorme successo di pubblico.

Le critiche hanno gradito molto la novità e la forma espositiva che permette anche di provare personalmente alcuni arcade d’un tempo. Anche i videogiocatori più giovani si sono molto divertiti a provare alcuni videogames giocati dai loro padri, a volte noti solo per i remake.

La mostra in questione si chiama Videogames! Trieste ed è organizzata da Arthemisia. Videogames! è promossa e organizzata dall’Assessorato alle politiche della cultura e del turismo del comune di Trieste e da Arthemisia.

Si tratta di una delle prime grandi mostre internazionali interattive dedicate al mondo dei videogames. La sede espositiva è il Salone degli Incanti, Ex Pescheria Centrale tergestina, un’area di recente rifacimento associata al Centro Espositivo d’Arte Moderna e Contemporanea della città.

Fra i giochi ed i videogiochi in mostra troviamo di tutto: i primi esperimenti anni ’50, poi i cabinati e le avventure testuali (un genere forse da riscoprire), per arrivare ai moderni videogiochi a modalità multigiocatore di massa (MMO).

Altri articoli su Trieste