Aumentate delle tasse sui giochi: Senato approva la fiducia

Il senato approva aumento tasse su bungo e giochi

Come al solito le beghe politiche le pagano i cittadini che ci rimettono pesantemente. Ieri notte con 167 voti favorevoli, 78 contrari e 3 astensioni, il Senato, ha rinnovato la fiducia al Governo. La manovra di Bilancio con il maxiemendamento che prevede diversi molti cambi nel settore dei giochi è stata quindi approvata.

In particolare c’e’ una vera e propria stangata per i giochi di abilità online (scopa, briscola, poker) che vedono le tasse passare dal 20% al 25%. Stessa sorte per il Bingo online per cui la tassa sale dal 20% al 25%. Aumenta anche quella per le scommesse sportive online che sarà il 24%.

Agghiacciante la riduzione dei montepremi per le slot nei bar che scende al 68% per le Slot e all’84% per le VLT. Questa riduzione aumenta le perdite dei giocatori e fatalmente incrementerà la ludopatia. Ma il governo non voleva combatterla? Fortunatamente per i giocatori ci sono i casino e le slot online dove il montepremi è sempre sopra il 90% (la media è il 97%). Questo consentirà di avere un’esperienza di gioco normale come con la roulette. Fortunatamente come indicato nell’articolo del nostro direttore e nei dati ufficiali i giocatori non sono stupidi.

Questi aumenti di tassazione si rovesceranno indirettamente sui giocatori perchè ridurranno la quota di montepremi dei vari giochi. Un po come l’aumento dell’IVA o delle tasse sulle aziende che poi si riflettono sul prezzo finale dei prodotti.

L’Italia oltre ad essere uno dei paesi piu sicuri per il gioco online è come in molti altri campi (esempio su tutti la benzina) uno dei piu tassati.

In piu non è stato approvato nessun nuovo gioco, contrariamente alle aspettative degli operatori.

Informazioni su Fabio Fanzini 138 Articoli
Laureato in ingegneria elettronica con il massimo dei voti, MBA e una tesi in modelli matematici lavora nei giochi da piu di 10 anni. Studioso di modelli numerici, appassionato di arte rinascimentale, membro del Club Alpino Italiano e impegnato nel sociale, collabora anche con testate giornalistiche no-profit.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*