Superenalotto, vince 20mila euro e ancora non li riscuote

Mancano pochi giorni alla scadenza del ritiro del premio da 20mila euro

Da Frascati ci arriva una notizia piuttosto particolare: giocando alla tabaccheria Il Pappagallo, un fortunato anonimo ha vinto 20mila euro al Superenalotto ma ancora non si è presentato a riscuotere la somma.

Nessuno sa chi sia il presunto vincitore anche se il titolare del bar ha un dubbio: “secondo me si è trattato di uno straniero di passaggio a Roma che è venuto qui a giocare durante una delle classiche gite fuori porta ai Castelli. Ogni tanto qualcuno prova la fortuna, magari lui ha vinto e, finito il viaggio, non si è ricordato di aver acquistato il biglietto“.

Il problema però, è relativo alla tempistica della riscossione della vincita. Quando si vince al Superenalotto infatti, si hanno per legge 90 giorni di tempo dal giorno successivo all’estrazione vincente per ritirare il premio.
La vincita da 20mila euro in questione “scadrà” tra soli 4 giorni.

La storia è piena di casi simili: gli ignari milionari sono tantissimi.
Di solito o sanno di aver vinto e si scordano di ritirare la vincita, o, più probabile, non controllano l’estrazione e buttano via il biglietto.
Secondo l’agenzia Agimeg, dal 2002 non sono stati ritirati premi per 27 milioni di euro circa. Il primato della disattenzione spetta a un giocatore di Roma, che nel 2008 non ritirò una vincita da ben 5 milioni di euro rimessa in palio l’anno successivo. In quella edizione i premi non incassati dai vincitori furono di circa 7 milioni di euro.

Il barista di Frascati sostiene che quello sia un locale fortunato: “Non è la prima volta che la fortuna ci passa a trovare. Un paio di anni fa c’è stata una vincita molto alta al Gratta e Vinci e all’epoca del Totocalcio ci fu addirittura un clamoroso 13!”








Informazioni su Pietro Di Dionisio 105 Articoli
Laureato in Lettere Classiche presso l'Università degli Studi Roma 3, ha cominciato a muovere i primi passi nel mondo del giornalismo su diverse testate in ambito musicale dove è un critico affermato. E' passato da diversi anni a scrivere sui giochi. La sue passioni (oltre la scrittura e il gioco) sono il calcio e la musica.